CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA SERVIZI RIELLO S.p.A.

 

Le presenti Condizioni Generali, ove non derogate da diverse disposizioni contenute nel singolo Ordine o nel Capitolato di Fornitura eventualmente sottoscritto dalle parti, disciplinano tutti i servizi commissionati al Fornitore da Riello S.p.A. (di seguito l’Acquirente) e prevalgono su qualsiasi clausola difforme eventualmente apposta dal Fornitore nelle proprie condizioni generali di fornitura, conferme d’ordine, fatture o altri documenti commerciali.

Le presenti Condizioni Generali disciplinano - unitamente agli ordini - il rapporto tra Riello S.p.A., appartenente al Gruppo societario Carrier Global Corporation - ovvero una sua consociata - (ciascuna di seguito “Riello” o anche “Acquirente”) ed il fornitore (come di volta in volta individuato in ciascun ordine, di seguito “Fornitore” e assieme all’Acquirente le “Parti”) in relazione alla fornitura dei Servizi - come qui di seguito definiti ed individuati in ciascun ordine - che il Fornitore effettuerà in favore dell’Acquirente.

Ai fini delle presenti Condizioni Generali, i seguenti termini avranno il significato qui di seguito descritto:

Ente” o “Entità”: si intende qualsiasi società, di persone o di capitali, anche unipersonale, trust o simile unità commerciale, sia essa profit o non-profit;

Funzionario Pubblico” è un funzionario, un amministratore o un dipendente (eletto o nominato) di una Pubblica amministrazione oppure un candidato per una posizione all’interno di essa;

Gruppo Carrier”: il Gruppo societario Carrier Global Corporation;

Normativa”: ogni atto o disposizione di legge, regolamentare, amministrativa o tecnica, anche se avente origine da provvedimento giurisdizionale, vigente nei paesi nei quali i Prodotti vengono immessi in commercio da Riello e dalle Società ad esso collegate ed avente oggetto prescrizioni in materia di lecita e corretta commerciabilità, sicurezza, natura, qualità, idoneità tecnica e funzionale dei Prodotti medesimi;

Ordine”: l’ordine di acquisto emesso dall’Acquirente con gli eventuali allegati;

Pagamento corruttivo”: significa qualsiasi cosa di valore la cui dazione sia stata autorizzata, o sia stata offerta, promessa o fornita, direttamente o indirettamente, dal Fornitore per influenzare illegittimamente una persona o un Ente al fine di assicurarsi un ingiusto vantaggio;

Il Pagamento corruttivo: include il pagamento facilitante, ma esclude la dazione di qualcosa di valore in risposta ad un’estorsione posta in essere da un terzo soggetto che pone il fornitore sotto imminente minaccia di un male fisico;

Pagamento facilitante”: è un pagamento a un funzionario pubblico allo scopo di garantire o di accelerare la prestazione di un’azione ordinaria della pubblica amministrazione, come il rilascio di autorizzazioni, di licenze, la concessione di visti o l’elaborazione di documenti doganali;

Parti”: congiuntamente l’Acquirente ed il Fornitore;

Pubblica Amministrazione”: significa:

a.una pubblica amministrazione straniera o nazionale, a livello nazionale, regionale o locale;

b.un’entità che agisce ufficialmente per conto di una pubblica amministrazione;

c.un’entità, un’azienda o un’impresa interamente o parzialmente posseduta o controllata da una pubblica amministrazione;

d.un partito politico;

e.un’organizzazione pubblica internazionale (es., Nazioni Unite, Banca mondiale); oppure

f.un dipartimento, un’agenzia o un ente pubblico di una delle suddette entità;

Prezzo”: il prezzo per l’acquisto dei Servizi indicato nell’Ordine e comprensivo di ogni onere, imposta e tassa, ad eccezione dell’IVA;

Risorse”: il personale a qualsiasi titolo impiegato dal Fornitore per l’esecuzione dell’Ordine (a mero titolo semplificativo: dipendenti, collaboratori, apprendisti, tirocinanti, etc.);

Servizi”: i servizi indicati nell’Ordine ed oggetto della fornitura nonché eventualmente i servizi accessori;

Formano parte integrante e sostanziale delle presenti Condizioni Generali il Codice Etico Carrier reperibile sul sito https://www.corporate.carrier.com/Images/Code-of-Ethics-IT-IT-Italian_tcm558-78719.pdf, il Codice di Condotta del Fornitore Carrier reperibile sul sito https://www.corporate.carrier.com/Images/Carrier-Supplier-Code-of-Conduct-07-2020-Italian_tcm558-81517.pdf oltre che il Modello di Organizzazione e Gestione ex D.lgs 231/01 adottato dall’Acquirente (qui di seguito “Modello 231”), reperibile sul sito della stessa, cui l’Acquirente e il Fornitore aderiscono.

1 OGGETTO DELLA FORNITURA

1.1 Il Fornitore si obbliga a fornire Servizi conformi alle specifiche tecniche-funzionali e nel rispetto dei termini, dei tempi nonché delle modalità previsti dalle presenti Condizioni Generali e dagli Ordini di volta in volta emessi dall’Acquirente. Più in generale i Servizi dovranno essere conformi ad ogni normativa applicabile ed idonei allo scopo per cui sono forniti. È fatto obbligo al Fornitore di richiedere tempestivamente ogni chiarimento o altra informazione omessa nella stesura dell’Ordine e necessaria per la migliore esecuzione della fornitura.

1.2 La sottoscrizione delle presenti Condizioni Generali (di seguito anche solo “Condizioni Generali” o “Contratto”) non crea un rapporto di agente-preponente.

2 ESECUZIONE DEI SERVIZI

2.1 I servizi verranno resi presso la sede dell’Acquirente o presso la sede del Fornitore o in altra sede, come specificato dall’Ordine.

2.2 Le date e il periodo di esecuzione dei Servizi sono indicati nell’Ordine e riflettono le necessità dell’Acquirente. Esse costituiscono pertanto un termine essenziale ai sensi dell’art. 1457 c.c.. Il Fornitore si obbliga quindi a rispettare tali date e, comunque, ad avvertire l’Acquirente in caso di ritardo.

2.3 L’Acquirente indicherà al Fornitore il referente aziendale che verificherà il corretto svolgimento dei Servizi e lo certificherà come atto preliminare alla fatturazione del compenso pattuito, a meno che nell’Ordine non siano indicate diverse modalità di fatturazione.

2.4 Qualora i Servizi non siano accettati, il Fornitore sarà tenuto ad integrare i Servizi o ad apportare le modifiche necessarie per rendere i Servizi conformi all’Ordine; tutte le spese e gli oneri relativi saranno a totale carico del Fornitore. Resta in ogni caso salvo il diritto dell’Acquirente a richiedere il risarcimento dei danni subiti dall’Acquirente e la risoluzione dell’Ordine. L’Acquirente avrà altresì il diritto di procurarsi altrove i Servizi oggetto della fornitura; l’eventuale maggior prezzo sarà a carico del Fornitore.

3 GARANZIA

3.1 Il Fornitore garantisce che, indipendentemente dalla verifica dell’Acquirente, i Servizi prestati saranno rispondenti alle specifiche tecnico-funzionali indicate nell’Ordine nonché ad ogni altro requisito concordato tra la Parti. Il Fornitore rimarrà l’unico soggetto responsabile nei confronti dell’Acquirente nell’ambito dello svolgimento dei Servizi.

3.2 Le Parti convengono espressamente che l’Acquirente avrà diritto di sospendere i pagamenti qualora i Servizi non siano rispondenti alle specifiche tecnico-funzionali indicate nell’Ordine o ad ogni altro requisito concordato tra la Parti e sino a quando i Servizi non siano stati resi conformi alle predette specifiche tecnico-funzionali e requisiti.

3.3 In caso di inadempimento delle obbligazioni del presente art. 3, l’Acquirente avrà il diritto di risolvere l’Ordine cui l’inadempimento si riferisce, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 1456 c.c., di ripetere gli eventuali pagamenti effettuati ed al risarcimento degli eventuali danni subiti.

4 CORRISPETTIVO E FATTURAZIONE

4.1 Il Corrispettivo per i Servizi è quello indicato di volta in volta in ciascun Ordine.

4.2 A meno di differente specifica indicazione presente sull’Ordine, il Corrispettivo si intende fisso ed invariabile e comprende e compensa tutti gli obblighi, i costi e gli oneri previsti dall’Ordine per la fornitura dei Servizi.

4.3 Nelle fatture, oltre ai riferimenti di legge, dovranno essere sempre indicati il numero e la data dell’Ordine cui la singola fattura si riferisce, oltre che:

a) la descrizione, in modo equo e accurato, in ragionevole dettaglio, degli effettivi Servizi prestati;

b) le persone fisiche (nel caso di un Fornitore individuale di servizi) o le Entità che prestano i Servizi;

(c) il periodo di prestazione; e

(d) i compensi e le spese dovuti in base al contratto pertinente.

4.4 Salvo diversa indicazione comunicata per iscritto da Riello al Fornitore, le fatture dovranno essere emesse con cadenza mensile ed inviate esclusivamente tramite formato XML, ai sensi di legge, che sarà l’unico formato ritenuto valido ai fini del presente contratto. L’ID Riello è il seguente: ISHDUAE.

Errori od omissioni nella fattura del Fornitore o la mancata presentazione dei documenti giustificativi determineranno, in aggiunta all’obbligo di pagamento di una penale pari ad € 300,00 (Euro trecento/00), la sospensione del pagamento fino a quando tali errori od omissioni non verranno rettificati e/o i documenti non saranno completi.

4.5 Resta inteso che in caso di inadempienze del Fornitore agli obblighi derivanti dalle presenti Condizioni Generali e/o dai singoli Ordini, l’Acquirente potrà tenere in sospeso i pagamenti che fossero maturati per prestazioni anteriori anche se non relative all’Ordine, in garanzia contro le possibili conseguenze dell’inadempienza del Fornitore. Riello potrà sospendere il relativo pagamento fino a quando non sarà stata accertata giudizialmente, con sentenza passata in giudicato, la regolarità del servizio fornito, motivo per cui il Fornitore non potrà agire per il recupero del relativo credito e non decorreranno sulle somme non pagate da Riello interessi di sorta neppure quelli legali e quelli previsti dal D. Lgs. 231/2001 come successivamente modificato e aggiornato.

5 TERMINI DI PAGAMENTO

5.1 Il pagamento del Corrispettivo sarà effettuato, a meno di differente specifica indicazione presente sull’Ordine, tramite bonifico bancario, secondo le condizioni indicate sull’ordine, sulle coordinate IBAN del Fornitore.

5.2 Nel caso in cui il pagamento non avvenga entro il termine sopra indicato o stabilito dal relativo Ordine, in deroga a quanto previsto dal D. Lgs. 231/2001, decorreranno interessi in misura legale, ai sensi dell’art. 1284 c.c., a decorrere dalla scadenza dei quindici giorni successivi al ricevimento della lettera di costituzione in mora, inviata dal Fornitore a mezzo raccomandata a. r. o posta elettronica certificata.

5.3 Salvo diverso accordo scritto raggiunto tra le Parti, i termini di pagamento dei Servizi acquistati in virtù dell’Ordine sarà 120 (centoventi) giorni più 10 (dieci) giorni fine mese data fattura.

5.4 L’eventuale avvenuto pagamento della fornitura non pregiudicherà in alcun modo il diritto di Riello di contestarla e di ripetere il pagamento oltre a rivendicare nei confronti del Fornitore il risarcimento dei danni subiti tutti, nessuno escluso.

5.5. Eventuali pagamenti da parte del Fornitore a Riello possono essere effettuati esclusivamente da parte della persona fisica o giuridica indicata nella fattura e che ha sottoscritto le presenti condizioni generali, salvo diverso accordo scritto con l’Acquirente, da raggiungersi, al più tardi, prima della esecuzione dei servizi. L’Acquirente ha il diritto unilaterale ed incontestabile di rifiutare, a sua esclusiva discrezione, qualsiasi pagamento da parte di terzi diversi dal soggetto di cui sopra e/o non precedentemente autorizzati dall’Acquirente in conformità alla presente clausola.

6 COMPENSAZIONE

L’Acquirente avrà la facoltà di compensare ogni somma dallo stesso dovuta al Fornitore sulla base di un Ordine con qualsiasi credito o pretesa che l’Acquirente abbia nei confronti del Fornitore.

7 PROPRIETÀ DELL’ACQUIRENTE

7.1 Qualsiasi strumento, disegno o altro materiale che dovesse essere fornito dall’Acquirente al Fornitore o prodotto dal Fornitore per conto dell’Acquirente per la fornitura di Servizi previsti da un Ordine oppure per il quale l’Acquirente abbia pagato un corrispettivo, rimangono di esclusiva proprietà dell’Acquirente.

7.2 Il Fornitore non dovrà pertanto in alcun modo limitare tale diritto di proprietà mediante la costituzione di oneri, pegni, privilegi o altro. A seguito della cessazione del rapporto tra le Parti o dell’esecuzione dell’Ordine, e in ogni caso a seguito della richiesta dell’Acquirente, il Fornitore dovrà restituire tali beni all’Acquirente nelle stesse condizioni originarie in cui li ha ricevuti, fatto salvo il ragionevole consumo in ragione dell’attività effettuata. L’Acquirente avrà diritto, a seguito di preventiva comunicazione da inviare alla sede del Fornitore, di ispezionare lo stato dei beni di sua proprietà.

8 DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE

8.1 Il Fornitore garantisce che nell’esecuzione dei Servizi non violerà alcun diritto di proprietà intellettuale di terzi (quali, a mero titolo esemplificativo, know how, brevetti, licenze, diritti di pre-uso, etc.), assicurando pertanto il sicuro ed indisturbato utilizzo dei Servizi forniti.

8.2 Il Fornitore si impegna a non utilizzare il nome, i marchi di fabbrica, i marchi commerciali dell’Acquirente, senza il suo preventivo consenso scritto. Il Fornitore si obbliga, nel caso in cui l’esecuzione dei Servizi preveda l’utilizzo di disegni dell’Acquirente, a non divulgare a terzi tali disegni, e comunque, a non utilizzarli se non per l’esecuzione della fornitura.

8.3 Il Fornitore terrà l’Acquirente manlevato ed indenne, anche con riferimento alle spese legali, da qualsiasi pretesa di terzi in relazione a presunte violazioni di diritti di proprietà intellettuale e/o industriale connesse con la fornitura dei Servizi e, ove richiesto, fornirà all’Acquirente la più ampia assistenza e collaborazione in relazione alle pretese che terzi dovessero avanzare in tal senso.

9 PERSONALE DEL FORNITORE

9.1 Il Fornitore dichiara di essere dotato di un’organizzazione autonoma, di svolgere attività con gestione a proprio rischio, e di essere dotato del personale e dei mezzi necessari per la fornitura dei Servizi. Le presenti Condizioni Generali e gli eventuali Ordini non possono essere interpretati come costitutivi di alcun rapporto fra le Parti che non sia di fornitura; a titolo meramente esemplificativo, si intendono pertanto esclusi joint-venture, società di fatto, rapporto fiduciario, di mandato, di agenzia, di lavoro subordinato, di subfornitura.

9.2 Il Fornitore si obbliga inoltre ad eseguire le attività oggetto degli Ordini avvalendosi di propri dipendenti e collaboratori con i quali avrà stipulato idonei contratti di lavoro e/o di collaborazione nel pieno rispetto della normativa vigente.

9.3 Il Fornitore si impegna a corrispondere al proprio personale il trattamento economico, normativo e previdenziale previsto dalle vigenti Leggi, Regolamenti, o Accordi di categoria; rimarranno a suo esclusivo carico tutti gli obblighi relativi al versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali, alle assicurazioni contro gli infortuni sul lavoro ed agli eventuali danni arrecati a terzi, come previsto dalle vigenti norme di legge, nonché ogni altro onere derivante dall’inosservanza di disposizioni di Legge e/o provvedimenti amministrativi.

9.4 In applicazione della Legge 977/1967 (e s.m.i.), dei contratti collettivi nazionali, della Convezione OIL n. 138 del 1973, della Convenzione OIL n. 182 del 1999, nonché delle altre norme nazionali, comunitarie e internazionali che vietano il lavoro minorile, Riello proibisce l’uso del lavoro minorile ai propri fornitori. Sono consentiti esclusivamente l’apprendistato, i tirocini, o simili forme di programmi educativi per minori ove previsti dalla legge. Il termine “minore” si riferisce a qualsiasi individuo che abbia un’età inferiore ai 16 anni o, comunque, un’età inferiore a quella per la quale sussista l’obbligo di educazione scolastica o comunque un’età inferiore a quella per cui è ammesso il lavoro minorile. Il Fornitore, preso atto e consapevole del fatto che Riello non acquista Servizi o servizi da fornitori che si avvalgono dell’impiego del lavoro minorile, dichiara e conferma che lo stesso, le proprie operating companies, divisioni e le società dallo stesso controllate e/o allo stesso collegate, sia in Italia che all’estero, non impiegano né impiegheranno mai lavoro minorile per la fornitura di Servizi o servizi.

9.5 Qualora il Fornitore si renda inadempiente alle previsioni di cui al presente articolo, il presente Contratto dovrà intendersi risolto di diritto ai sensi dell’art. 1456 c.c., mediante invio al Fornitore di una semplice comunicazione scritta.

9.6 Il Fornitore si obbliga inoltre a sollevare, manlevare e tenere indenne l’Acquirente da ogni e qualsiasi controversia possa insorgere sia direttamente con il proprio personale, sia per violazioni della normativa applicabile sia per controversie con gli Enti previdenziali, per questioni inerenti il relativo rapporto, sia, ancora, con soggetti terzi, per questioni dipendenti dall'incarico affidato, subentrando in ogni conseguente onere e gravame anche oltre il termine di efficacia dei singoli Ordini.

10 ULTERIORI OBBLIGHI DEL FORNITORE

10.1 L’Acquirente auspica che il Fornitore adotti il Codice di Condotta del Fornitore Carrier o un codice simile che soddisfi i medesimi requisiti appropriato al proprio business di riferimento il quale preveda il rispetto delle leggi e regolamenti vigenti e includa direttive per il mantenimento di un ambiente di lavoro sicuro e sano, attento alla tutela dell'ambiente e alla riduzione dei rifiuti, delle emissioni, dei consumi energetici, e che proibisca qualsiasi coinvolgimento in atti illeciti (es. agevolazioni, oppure offerte o pagamenti di tangenti).

10.2 A mero titolo esemplificativo e senza che ciò comporti limitazione alcuna, il Fornitore dichiara di impegnarsi:

  • a rispettare tutte le leggi e regolamenti vigenti, incluse le leggi che vietano la collusione, conflitti di interesse, la corruzione e la concorrenza sleale, oltre che le disposizioni di cui al Codice Etico Carrier, al Codice di Condotta del Fornitore Carrier e al Modello 231 (qui di seguito le “Regole”) che ha letto e compreso;
  • di non offrire, promettere, tentare di fornire o fornire qualsiasi tipo di Pagamento corruttivo (direttamente o indirettamente) o Facilitante a non offrire, promettere, tentare di fornire o fornire o ai dipendenti di Carrier o a Funzionari pubblici, partecipazioni o interessi finanziari nel Fornitore;
  • tempestivamente e con precisione registrare tutte le transazioni e le spese relative all’Acquirente nei suoi libri contabili e registri e documentazione di supporto (ad esempio, fatture, ricevute);
  • in generale, ad evitare qualsiasi comportamento che comporti la commissione e/o il rischio di commissione di atti illeciti e/o di reati (a prescindere dalla effettiva consumazione degli atti illeciti e/o reati o dalla punibilità degli stessi);
  • a compiere ogni attività affidatale con trasparenza, lealtà, correttezza, integrità, buona fede e rigore professionale;
  • a non effettuare e/o promettere qualsiasi forma di regalo e/o qualsiasi forma di beneficio e/o pagamento in favore di dipendenti dell’Acquirente e di soggetti appartenenti alla Pubblica Amministrazione, di pubblici ufficiali e/o incaricati di un pubblico servizio ed in particolare di: dirigenti, funzionari, dipendenti pubblici italiani e/o esteri e/o di partiti politici e/o di loro esponenti e funzionari, candidati a cariche politiche e/o di loro familiari e/o di soggetti a loro ricollegabili che possa influenzarne l’indipendenza di giudizio, eventualmente contravvenendo alle proprie funzioni, e/o indurre ad assicurare un qualsiasi vantaggio a favore del Gruppo Carrier (per esempio al fine di ottenere, conservare o far indirizzare su di esso accordi d’affari);
  • a comunicare immediatamente e per iscritto all’Acquirente qualsiasi situazione che possa, anche solo potenzialmente, determinare una situazione di conflitto di interesse ed ad astenersi dal compiere qualsiasi attività in conflitto di interesse, salva preventiva espressa autorizzazione scritta dell’Acquirente.

10.3 Al fine di garantire il rispetto delle Regole durante l'esecuzione del Contratto, ciascuna Parte si impegna a fornire, su richiesta dell’altra Parte, tutti i documenti e le altre informazioni comprovanti il rispetto delle Regole e di informare senza indugio l'altra Parte, in caso di violazione di una delle predette disposizioni, o in caso venisse a conoscenza di eventuali violazioni delle disposizioni da parte di terzi, nonché delle eventuali misure adottate al fine di rispettare le Regole.

10.4 Il Fornitore, previo ragionevole preavviso, autorizza l’Acquirente e/o i suoi rappresentanti da esso autorizzati, all’accesso presso la propria sede operative/legale, nonché ai libri contabili e del personale e alla relativa documentazione (con facoltà di ispezione e riproduzione) al fine di permettere di valutare e verificare il rispetto del Fornitore agli obblighi di cui alle presenti Condizioni Generali, di cui alle Regole, nonché ad ogni singolo Ordine e alle prassi commerciali applicabili a quanto oggetto degli stessi Ordini. Oltre a quanto previsto al paragrafo seguente, la mancata collaborazione o il rifiuto a collaborare da parte del Fornitore a qualsiasi audit di verifica o indagine dell’Acquirente per verificare l’adempimento a quanto previsto dal presente articolo, determinerà la possibilità di i) sospendere i pagamenti da parte dell’Acquirente; ii) richiedere il risarcimento dei danni subiti.

10.5 Qualora il Fornitore si renda inadempiente alle previsioni di cui al presente articolo, il presente Contratto dovrà intendersi risolto di diritto ai sensi dell’art. 1456 c.c., mediante invio al Fornitore di una semplice comunicazione scritta.

11 OBBLIGHI DELLE PARTI IN MATERIA DI SICUREZZA

L’esecuzione delle attività oggetto dell’Ordine presso le sedi dell’Acquirente avverrà secondo le direttive impartite dall’Acquirente, in conformità alle specifiche e alle norme vigenti in tema di salute, sicurezza e antinfortunistica (tra cui a titolo esemplificativo D.Lgs. 17/2010, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i.) con particolare attenzione alla comunicazione e documentazione preliminari necessarie per le eventuali attività di cooperazione e coordinamento.

12 DIVIETO DI CESSIONE E SUBAPPALTO DEL CONTRATTO E DEI CREDITI

Il Fornitore non potrà cedere né subappaltare a terzi, in tutto o in parte, gli Ordini e/o i diritti e/o gli obblighi da essi derivanti. È fatto altresì divieto al Fornitore di conferire procure all'incasso e cedere i crediti di cui agli Ordini; restando pertanto tali atti comunque privi di efficacia nei confronti dell’Acquirente.

Ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 1406 c.c., il Fornitore presta sin d’ora il proprio consenso preventivo alla cessione a terzi, totale o parziale, dell’Ordine, da parte dell’Acquirente a società del Gruppo Carrier.

13 RISOLUZIONE

13.1 Fatti salvi gli specifici casi di risoluzione indicati altrove nelle presenti Condizioni Generali e salvo in ogni caso il diritto al risarcimento del danno, l’Acquirente potrà risolvere di diritto gli Ordini, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 1456 c.c., mediante semplice comunicazione scritta, qualora il Fornitore non adempia correttamente anche ad una soltanto delle obbligazioni relative a:

  1. rispondenza dei Servizi alle relative specifiche tecniche e/o funzionali;
  2. consegna dei Servizi entro il termine stabilito nell’Ordine;
  3. diritti di proprietà dell’Acquirente ai sensi dell’art. 7;
  4. diritti di proprietà intellettuale o industriale dell’Acquirente o di terzi e relativa manleva ai sensi dell’art. 8;
  5. garanzia ai sensi dell’art. 3;
  6. rispetto delle norme in merito alla salute e sicurezza;
  7. inosservanza anche parziale delle disposizioni contenute nelle Regole e nelle eventuali emanande ulteriori policy;
  8. mancato rispetto delle previsioni di ITC, Ulteriori Condizioni e di cui all’art. 10;
  9. obblighi di riservatezza;
  10. divieto di cessione e subappalto dell’Ordine e/o dei crediti;
  11. assenza di polizza assicurativa;
  12. gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari;
  13. non trovarsi in stato di insolvenza, fallimento o avviare una procedura concorsuale.

13.2 Riello avrà inoltre il diritto di risolvere con effetto immediato l’Ordine, qualora nella compagine sociale del Fornitore dovesse intervenire un concorrente di Riello e, direttamente o indirettamente attraverso persone o società controllate, collegate o partecipate, anche di fatto, ovvero se il Fornitore o uno dei suoi amministratori, direttori o dipendenti diventi per qualsiasi motivo persona non gradita nella giurisdizione in cui viene prestato il servizio o a un pubblico funzionario o alla Pubblica Amministrazione.

13.3 L’Acquirente si impegna a comunicare immediatamente, e comunque entro 2 giorni, al Fornitore il verificarsi di uno dei suddetti eventi. Resta in ogni caso impregiudicato il diritto dell’Acquirente di risolvere ai sensi dell’art. 1454 c.c. gli Ordini per qualsivoglia inadempimento del Fornitore previo invio, per mezzo di lettera raccomandata A/R, di diffida ad adempiere nel termine di 15 giorni, qualora l’inadempimento contestato non sia stato sanato nel predetto termine. A seguito della cessazione, per qualsiasi causa, del presente accordo, il Fornitore dovrà riconsegnare all’Acquirente tutto il materiale e quant’altro da quest’ultimo messo eventualmente a disposizione per l’esecuzione delle attività oggetto dell’Ordine e sgomberare i siti dell’Acquirente da tutte le persone e cose del Fornitore.

13.4 In caso di risoluzione ai sensi del presente articolo, l’Acquirente sarà sollevata dall’obbligo di effettuare ulteriori pagamenti al Fornitore, senza che quest’ultimo possa reclamare alcun danno, indennizzo o rimborso da parte di Riello.

14 RECESSO

14.1 L’Acquirente potrà inoltre liberamente recedere dagli Ordini, in qualunque momento, senza che il Fornitore possa reclamare alcun danno, indennizzo o rimborso da parte di Riello, mediante comunicazione da inviarsi tramite PEC o raccomandata a.r. anticipata via fax, e con efficacia al quindicesimo giorno dalla ricezione di tale comunicazione a mezzo PEC o fax, fermo l’obbligo dell’Acquirente di corrispondere al Fornitore quanto maturato per i Servizi forniti fino alla data del recesso, con espressa esclusione del mancato guadagno.

14.2 Ferme restando eventuali ipotesi di recesso espressamente previste da apposite clausole del Contratto, Riello avrà la facoltà di sospendere l’esecuzione dell’Ordine, mediante comunicazione scritta al Fornitore, qualora:

(i) intervengano situazioni, fatti o atti indicativi di una situazione di sopravvenuta o prevedibile incapacità del Fornitore di assicurare il normale assolvimento delle proprie obbligazioni (come, a titolo meramente esemplificativo, nei casi di mancati o ritardati pagamenti verso dipendenti, enti previdenziali, fisco, fornitori o banche, protesti cambiari, esecuzioni mobiliari e/o immobiliari, revoche di licenze o autorizzazioni, atti preparatori e/o iniziali di procedura di liquidazione volontaria, di richiesta di concordato preventivo o stragiudiziale o amministrazione controllata o giudiziaria, fallimento, ecc.);

(ii) le forniture dei Servizi siano interrotte per un periodo superiore a 15 (quindici) giorni lavorativi a causa della interruzione, per qualsivoglia ragione, della normale attività del Fornitore;

(iii) non riesca a garantire con continuità la qualità dei Servizi, in osservanza dei requisiti definiti negli Ordini e/o da Riello.

14.3 Qualora tali situazioni non cessino nel termine di 30 (trenta) giorni dal ricevimento da parte del Fornitore della comunicazione di Riello quest’ultima avrà la facoltà di recedere con effetto immediato dell’Ordine mediante semplice comunicazione scritta, senza che il Fornitore possa reclamare alcun danno, indennizzo o rimborso da parte di Riello.

15 RISERVATEZZA

15.1 Qualsiasi informazione inerente all’Acquirente, alla sua attività, ai suoi prodotti ed alla sua clientela, di cui il Fornitore dovesse venire a conoscenza in occasione dell’esecuzione delle presenti Condizioni Generali e degli Ordini, deve intendersi quale informazione riservata. Il Fornitore dovrà pertanto utilizzare tali informazioni solo in relazione all’esecuzione delle presenti Condizioni Generali e degli Ordini e nei limiti strettamente necessari a ciò, e non potrà divulgarle in alcun modo né in qualsiasi forma, né potrà copiarle o riprodurle, senza il preventivo consenso scritto dell’Acquirente, salvo per quanto dovesse rendersi necessario per adempiere ad eventuali obblighi di legge o ad ordini delle autorità competenti, fermo restando che, anche in simili ipotesi, la Parte che sarà tenuta ai predetti adempimenti dovrà informare tempestivamente l’altra per concordare i tempi ed i contenuti di eventuali comunicazioni che, in quanto possibile, saranno comunque limitate ai fatti e/o documenti ai quali i suddetti obblighi o ordini si riferiscono. Il Fornitore dovrà proteggere la riservatezza delle informazioni dell’Acquirente con la stessa cura con la quale protegge la riservatezza delle proprie informazioni riservate. Tutte le informazioni messe a disposizione dall’Acquirente nel corso dell’esecuzione del presente Contratto, ivi incluse eventuali copie, saranno restituite o distrutte dal Fornitore al verificarsi del primo tra i seguenti eventi:

  • al completamento di quanto previsto dagli Ordini;
  • in qualsiasi momento, su richiesta dell’Acquirente;
  • alla cessazione, per qualsiasi causa, del rapporto tra le Parti.

15.2 Il Fornitore si impegna a far rispettare ai propri dipendenti le obbligazioni nascenti dal presente articolo. Le disposizioni del presente articolo avranno efficacia anche successivamente alla cessazione, per qualsiasi causa, del presente Contratto.

16 DATA PRIVACY

I termini e le condizioni per il trattamento dei dati personali relativo al presente Contratto sono contenuti nell’Allegato A “Trattamento dei dati personali”.

17 PREVALENZA DEI DOCUMENTI

In caso di contestazione o discordanza tra le previsioni dell’Ordine, le Condizioni Generali e l’eventuale offerta del Fornitore accettata da Riello, ai fini della disciplina del rapporto contrattuale, l’ordine di prevalenza sarà il seguente: (i) Ordine; (ii) Condizioni Generali; (iii) offerta del Fornitore accettata da Riello.

18 LEGGE APPLICABILE E FORO COMPETENTE

Le presenti Condizioni Generali ed i relativi Ordini sono disciplinati dalla legge italiana. Qualunque controversia che dovesse insorgere tra le Parti in relazione alle Condizioni Generali stesse e/o agli Ordini, comprese quelle inerenti alla validità, interpretazione, efficacia, esecuzione e risoluzione, sarà di competenza esclusiva del Foro di Milano.

19 REGISTRAZIONI

Ai fini della registrazione, le Parti dichiarano che il presente accordo riguarda operazioni soggette ad I.V.A., effettuate nell'esercizio d'impresa. Ricorre pertanto l’obbligo della registrazione solo in caso d’uso e con pagamento dell'imposta fissa di registro.

20 COMUNICAZIONI

Ogni comunicazione tra le Parti inerente al presente rapporto, per essere pienamente opponibile all’altra parte, dovrà essere effettuata per iscritto esclusivamente ai seguenti indirizzi:
Per l’Acquirente: […]
Per il Fornitore: Indirizzo indicato nell’Ordine.
E agli indirizzi e-mail di volta in volta espressamente comunicati.

21 ORDINI

21.1 Gli Ordini emessi dall’Acquirente saranno considerati autonomi contratti disciplinati dalle presenti Condizioni Generali. Gli Ordini potranno essere inviati al Fornitore, a discrezione dell’Acquirente, oltre che a mezzo di lettera raccomandata a.r. (di seguito “Ordini postali”), anche a mezzo di posta elettronica (“Ordini Elettronici”) o fax (“Ordini Fax”).

21.2 Gli Ordini effettuati nelle modalità sopra previste si considerano ricevuti dal Fornitore alla data della rispettiva ricevuta di invio e saranno considerati pienamente validi ed accettati dal Fornitore, in tutte le loro previsioni, con l’inizio della loro corretta esecuzione o comunque qualora entro 5 giorni lavorativi dall’invio degli stessi all’Acquirente non pervenga comunicazione scritta, in senso contrario all’Ufficio Acquisti dell’Acquirente, o parimenti nello stesso termine non pervenga al Fornitore, da parte dell’Acquirente, una comunicazione per posta elettronica, per fax o per servizio postale che annulli o modifichi l’Ordine precedentemente ricevuto.

21.3 Nel caso in cui il Fornitore richieda modifiche e/o integrazioni dell’Ordine l’Acquirente potrà:

  • se ritiene tali richieste accettabili, emettere un nuovo Ordine che sostituisce ed annulla l’Ordine precedente;
  • in caso contrario, revocare l’Ordine stesso, senza che il Fornitore possa pretendere alcun indennizzo, rimborso spese o risarcimento di sorta dal Fornitore per la mancata conclusione del contratto.

21.4 Qualora l’Acquirente richieda un messaggio di conferma, da inviare ad uno specifico indirizzo di posta ordinaria o di posta elettronica o numero di fax, indicante l’esplicita accettazione dell’Ordine, il relativo Ordine Elettronico, Ordine Fax o Ordine Postale, anche se correttamente ricevuto alla luce delle disposizioni contenute nei paragrafi che precedono, non costituirà fonte di alcuna obbligazione in capo all’ Acquirente a meno che il Fornitore non abbia inviato l’accettazione di cui al presente capoverso.

21.5 Le Parti si impegnano a riconoscere a qualsiasi Ordine Elettronico (inviato via e-mail), Ordine Fax o Ordine Postale, che sia trasmesso correttamente secondo il presente articolo, il requisito legale della forma scritta. Ad esso le Parti si impegnano a riconoscere il valore di cui all’articolo 2702 c.c.

21.6 Gli Ordini emessi in esecuzione delle presenti Condizioni Generali avranno efficacia per il periodo di erogazione ivi indicato. È escluso il tacito rinnovo dell’Ordine, anche in caso di eventuale proseguimento delle prestazioni da parte del Fornitore oltre il periodo di erogazione indicato nell’Ordine. In nessun caso saranno accettate forniture in eccedenza rispetto a quanto stabilito dagli Ordini.

22 OBBLIGHI DI TRACCIABILITA’ DEI FLUSSI FINANZIARI

22.1 Le Parti dichiarano di conoscere e si impegnano a rispettare tutti gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla Legge 13 agosto 2010 n. 136 e sue successive modifiche. In particolare, qualora un determinato Ordine sia originato da una commessa pubblica soggetta agli obblighi di tracciabilità l’Acquirente provvederà a comunicare al Fornitore gli elementi identificativi del Committente Pubblico e del relativo contratto, unitamente al CIG o CUP (codice unico di progetto) di riferimento, laddove esistente ai sensi di legge.

22.2 Il Fornitore si impegna ad inserire nei contratti con i propri subcontraenti obblighi analoghi a quelli di cui alla presente clausola contrattuale ed in ogni caso a far rispettare agli stessi le disposizioni di cui all’art. 3 della L. 136/2010. In caso di inosservanza da parte del Fornitore degli obblighi di cui alla presente clausola e più in generale di quelli di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla Legge 136/2010 Riello avrà il diritto risolvere automaticamente e di diritto del presente Contratto ai sensi e per gli effetti dell’art. 1456 c.c. e dell’art. 3, comma 9 bis, della L. 136/2010, fermo restando il diritto al risarcimento di ogni danno, ivi compreso il lucro cessante.

22.3 In caso di violazione da parte del Fornitore degli obblighi in materia di tracciabilità dei flussi finanziari di cui all’art. 3 della L. 136/2010, Riello provvederà, ai sensi dell’art. 3 comma 8 L. 136/2010, alla contestuale informativa al committente pubblico e alla prefettura-ufficio territoriale del governo competente. In caso di violazione dei medesimi obblighi da parte dei subcontraenti del Fornitore, quest’ultima si obbliga ad effettuare analoga informativa al committente pubblico.

23 CLAUSOLE FINALI

23.1 Le presenti Condizioni Generali annullano e sostituiscono qualsivoglia precedente intesa verbale o scritta intervenuta tra le parti relativa al loro oggetto.

23.2 Qualora una o più clausole delle presente Condizioni Generali e/o degli Ordini siano ritenute nulle, annullabili o invalide dalla competente Autorità Giudiziaria, in nessun caso tale nullità, annullabilità o invalidità avrà effetto su altre clausole delle Condizioni Generali, e le predette clausole nulle, annullabili o invalide dovranno intendersi come modificate nella misura e secondo il senso necessari affinché la competente autorità giudiziaria le possa ritenere perfettamente valide ed efficaci. In nessun caso il mancato esercizio di un diritto nascente dalle presenti Condizioni Generali o dai suoi Ordini, o la tolleranza nei confronti di una violazione di essi potrà essere intesa quale rinuncia o implicita modifica alle disposizioni o ai rimedi da essa previsti.


Trattamento dati personali

 

1. Le seguenti definizioni si applicano a queste disposizioni:

Per “Leggi sulla privacy dei dati” si intendono le leggi nazionali, federali, statali e provinciali relative alla riservatezza dei dati, alla protezione delle informazioni o dei dati personali e al trasferimento transfrontaliero di informazioni o dati personali, tra cui, a titolo esemplificativo, le leggi e le normative degli stati membri dell'Unione Europea ai sensi della Direttiva Europea 95/46/EC (la “Direttiva UE”), del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (“GDPR”) e qualsiasi legge o regolamento dell'Unione Europea che possa essere adottato per sostituire la Direttiva UE o il GDPR, e le leggi e i regolamenti degli Stati Uniti, incluso il California Consumer Protection Act (CCPA), e le leggi dello Stato italiano.

Per “Informazioni personali di Riello” o “Riello PI” si intendono le informazioni e i dati forniti al Fornitore o ai suoi agenti, rappresentanti o subappaltatori in relazione a questo Accordo che riguardano qualsiasi persona fisica identificata o identificabile o, nella misura di un conflitto con la legge applicabile, soggette a qualsiasi Legge sulla privacy applicabile.

2. Il Fornitore deve:

  1. rispettare tutte le Leggi sulla privacy applicabili;
  2. raccogliere, accedere, utilizzare o condividere le Riello PI, o trasferire le Riello PI a terzi autorizzati, nell'adempimento dei propri obblighi ai sensi dell’Accordo, in conformità con le istruzioni di Riello o per ottemperare agli obblighi di legge. Il Fornitore non farà alcun uso secondario o di altro tipo (ad esempio, ai fini del data mining) delle Riello PI eccetto (i) come espressamente autorizzato per iscritto da Riello in relazione all’uso dei Servizi/beni da parte di Riello, o (ii) come richiesto dalla legge;
  3. confermare che non riceve alcuna Riello PI in cambio di alcun corrispettivo in denaro o di altro valore;
  4. notificare tempestivamente Riello per iscritto se il Fornitore ritiene che la raccolta o l'elaborazione delle Riello PI ai sensi del presente Accordo violino le Leggi sulla privacy dei dati;
  5. non condividere, trasferire, divulgare o fornire accesso alle Riello PI a terze parti, se non per fornire servizi/beni ai sensi dell’Accordo o come richiesto dalla legge, né vendere alcuna Riello PI, ivi incluse eventuali informazioni personali come definite nel CCPA. Se il Fornitore condivide, trasferisce, divulga o fornisce accesso alle Riello PI a terzi, deve: (i) essere responsabile per gli atti e le omissioni di qualsiasi subappaltatore o altra terza parte, che elabora (nell’ambito delle Leggi sulla privacy dei dati applicabili) le Riello PI per conto del Fornitore nello stesso modo e nella stessa misura in cui è responsabile per i propri atti e omissioni rispetto a tali Riello PI; (ii) assicurarsi che tale terza parte sia vincolata da un accordo scritto che contenga gli stessi obblighi o protezioni equivalenti a quelli stabiliti nella presente sezione; e (iii) condividere, trasferire, divulgare o fornire l'accesso a una terza parte solo nella misura in cui tale condotta sia conforme alla legge applicabile;
  6. adottare misure commercialmente ragionevoli per garantire l'affidabilità dei dipendenti, agenti, rappresentanti, subappaltatori, dipendenti dei subappaltatori o qualsiasi altra persona utilizzata dal Fornitore (collettivamente, il “Personale del fornitore”) che abbia accesso alle Riello PI, assicurare che tale accesso avvenga in base a necessità di conoscenza, e assicurarsi che il Personale del fornitore sia obbligato a mantenere la riservatezza delle Riello PI, ad esempio attraverso un accordo di riservatezza o mediante l'applicazione di leggi o regolamenti pertinenti;
  7. fornire tali informazioni, assistenza e cooperazione in quanto Riello potrebbe ragionevolmente richiedere di volta in volta di stabilire la conformità del Fornitore alle Leggi sulla privacy dei dati;
  8. su richiesta di Riello, consentire a Riello di assumere revisori esterni di terze parti per verificare la conformità del fornitore e di terzi agli obblighi previsti dal Accordo. Inoltre, su richiesta, il Fornitore deve fornire a Riello eventuali rapporti di audit emessi ai sensi delle norme ISO 27001, ISO 29100, SSAE 16 (o SAS 70), SOC 2, O ISAE 3402 che coprono i Dati personali Riello;
  9. assistere Riello in modo che Riello possa fornire tale comunicazione alle persone le cui Riello PI sono condivise con il Fornitore;
  10. mantenere protezioni tecniche, fisiche e amministrative ragionevoli e appropriate intese a proteggere le Riello PI. Queste misure includeranno ragionevoli limitazioni all'accesso fisico a qualsiasi posizione contenente Riello PI, come la memorizzazione di tali dati in strutture bloccate, aree di stoccaggio o contenitori chiusi. Il Fornitore deve rivalutare periodicamente le misure adottate per garantire che rimangano ragionevoli e appropriate;
  11. fornire a Riello un'assistenza commercialmente ragionevole: (i) Nella cancellazione delle Riello PI su richiesta del singolo o del rappresentante legale; e (ii) consentire alle persone di effettuare la rinuncia esplicita;
  12. fornire a Riello la possibilità di eliminare le Riello PI più vecchie di un anno o altro periodo di tempo concordato per iscritto dalle parti, salvo ove diversamente richiesto di conservare i dati dalla legge applicabile; e
  13. informare immediatamente Riello qualora venisse a conoscenza di: (i) una denuncia o accusa che indica una violazione delle leggi sulla privacy rispetto alle Riello PI; (ii) la richiesta da parte di una o più persone che cercano di accedere, correggere o eliminare le Riello PI; (iii) la richiesta o la denuncia da parte di una o più persone, in relazione alla raccolta, il trattamento, l’utilizzo o il trasferimento delle Riello PI e (iv) qualsiasi richiesta normativa di citazione, mandato di perquisizione o altro processo legale, normativo, amministrativo o governativo che richieda le Riello PI (collettivamente, “Questioni sulla privacy dei dati”). Se il Fornitore viene a conoscenza di qualsiasi reclamo, richiesta, accusa o domanda, il Fornitore fornirà assistenza a Riello, collaborerà pienamente con Riello per indagare sulla questione, tra cui, a titolo esemplificativo, fornendo le informazioni pertinenti a Riello, preparando una risposta, implementando un rimedio e/o collaborando alla condotta e alla difesa da qualsiasi reclamo, procedimento giudiziario o normativo. Riello sarà responsabile della comunicazione con le persone riguardo alle proprie Riello PI in relazione a tali Questioni sulla privacy dei dati a meno che Riello non autorizzi il Fornitore a farlo per suo conto. Il Fornitore dovrà compiere tutti gli sforzi commercialmente e legalmente ragionevoli per limitare la natura e l'ambito della divulgazione richiesta al numero minimo di Riello PI richieste per conformarsi alla legge applicabile. A meno che non sia previsto dalla legge applicabile, il Fornitore deve fornire a Riello un preavviso scritto circa tali Questioni sulla privacy dei dati sufficienti a consentire a Riello di contestare procedimenti legali, regolatori, amministrativi o di altro tipo.

3. Termini aggiuntivi:

  1. Violazione della sicurezza. Il Fornitore dovrà comunicare per iscritto a Riello il prima possibile e, in nessun caso non oltre le 48 ore, qualsiasi incidente reale o sospettato di distruzione accidentale o illecita, perdita accidentale, alterazione, divulgazione o accesso non autorizzato o accidentale alle Riello PI di cui venga a conoscenza (una “Violazione della sicurezza”); si impegna altresì, in seguito, ad adottare le misure ragionevoli per contenere e porre rimedio alla Violazione della sicurezza, a fornire a Riello informazioni riguardanti l'indagine e le azioni di rimedio alla Violazione della sicurezza, a meno che non vi siano limiti imposti dalla legge; a non emettere notifiche, annunci o pubblicazioni o in altro modo autorizzare qualsiasi trasmissione di qualsiasi avviso o informazione sulla Violazione della sicurezza (“Comunicazione della violazione”) senza il previo consenso per iscritto e l’approvazione da parte di Riello del contenuto, dei mezzi e delle tempistiche dell’eventuale Comunicazione della violazione, a meno che non imposto dalla legge o da un ordine del Tribunale; e, anche laddove ciò sia imposto dalla legge o da un ordine del Tribunale, a compiere tutti gli sforzi ragionevoli per coordinarsi con Riello prima di fornire qualsiasi Comunicazione della violazione. Laddove la Violazione della sicurezza riguardi elementi di dati che potrebbero portare a furti di identità e si trova nelle reti o nei sistemi del Fornitore o è colpa del Fornitore, il Fornitore, su richiesta di Riello, sosterrà i costi di riparazione e notifica (incluso, se necessario, un call center) e fornirà alle persone interessate un monitoraggio del credito o altro servizio di mitigazione dell'identità commerciale ragionevole per un anno o un periodo più lungo come richiesto dalla legge o da un ente governativo.
  2. Consenso. Il Fornitore deve ottenere il preventivo consenso per iscritto di tutte le persone fisiche dalle quali raccoglie Riello PI quando richiesto dalle Leggi sulla privacy dei dati applicabili o come indicato da Riello. Nel caso in cui il Fornitore fornisca a Riello le informazioni personali protette dalle Leggi sulla privacy dei dati, il Fornitore garantirà che tali informazioni personali siano fornite in conformità con la legge applicabile, ottenendo il consenso o fornendo comunicazione, laddove richiesto, inclusa la condivisione dell’informativa privacy di Riello disponibile sul sito: www.riello.com.
  3. Distruzione. Tutte le Riello PI acquisite dal Fornitore devono essere restituite o distrutte (a discrezione di Riello), a meno che e nella misura in cui: (i) tali Riello PI sono richieste dal Fornitore per adempiere ai propri obblighi ai sensi dell’Accordo o della legge applicabile; o (ii) il reso o la distruzione sono proibiti dalla legge applicabile. Salvo diverse istruzioni e salvo quanto vietato dalla legge, il Fornitore distruggerà immediatamente tutte le Riello PI dopo la risoluzione o il completamento dell'Accordo dopo aver atteso 30 giorni per consentire a Riello di richiedere la restituzione delle Riello PI.
  4. Cambiamento di legge. Nel caso in cui le Leggi sulla privacy dei dati fossero modificate, il Fornitore deve collaborare con Riello per apportare eventuali modifiche necessarie a questo Accordo. Il Fornitore deve far sì che ciascuna terza parte effettui tali modifiche o altre modifiche analoghe.
  5. Nessuna vendita. Se il Contratto prevede la raccolta o l'elaborazione delle Riello PI da parte di soggetti in California, il Fornitore è un "Fornitore di servizi" come definito nel CCPA e non venderà né scambierà per alcun corrispettivo le Riello PI.
  6. Se l’Accordo comporta la fornitura di servizi/beni in cui il Fornitore (i) agirà come Titolare (come definito nella Direttiva UE) e (ii) trasferirà le Riello PI da qualsiasi paese nello Spazio Economico Europeo o Svizzera (collettivamente, “SEE/CH”) al di fuori di SEE/CH, i termini delle clausole contrattuali tipo (definite anche Clausole Contrattuali Standard) adottate dalla Commissione Europea nella Decisione 2004/915/CE (“Clausole modello”) siano incorporate come riferimento nell’Accordo. Se l’Accordo comporta il trasferimento transfrontaliero di Riello PI da qualsiasi paese appartenente al SEE/CH al di fuori di SEE/CH, ma il Fornitore non agisce da Titolare, le Parti concordano che i termini delle Clausole contrattuali tipo (denominate anche Clausole Contrattuali Standard) adottate dalla Commissione Europea nella Decisione 2010/87/UE (“Clausole modello”) siano incorporati come riferimento nell’Accordo. Fatto salvo quanto detto in precedenza le Parti concordano che: (i) le Clausole modello possono essere previste come documento autonomo con la firma dell’Accordo o le parti eseguiranno le Clausole modello come documento individuale separato. Le Clausole modello individuali possono essere depositate presso gli enti normativi e/o utilizzate per qualsiasi altro scopo legalmente consentito ed entrare in vigore come se firmate direttamente; (ii) se una delle parti cerca di registrare le Clausole modello con un ente normativo e detto ente normativo rifiuta la registrazione, le parti lavoreranno insieme per modificare i documenti delle Clausole modello al fine di soddisfare i requisiti dell’ente normativo medesimo; (iii) se uno qualsiasi dei termini delle Clausole modello è in conflitto con i termini dell’Accordo, le Clausole modello prevarranno; (iv) se il Fornitore impegna subappaltatori che accederanno alle Riello PI coperte dalle Clausole modello, il Fornitore dovrà assicurare che i trasferimenti al subappaltatore siano conformi alle Clausole modello.